Professionismo e divertimento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, il più delle volte nemmeno applicabile alle prestazioni di alto livello agonistico. È piuttosto un contenitore di molte diverse sensazioni, che concorrono a sostenere la motivazione di un atleta.

Provate a chiedere a un ciclista pro se durante la gara si diverte. Per chi non ha mai praticato uno sport di resistenza è difficile capire cosa ci sia di divertente nel sottoporsi a uscite massacranti, a fatiche apparentemente illogiche, come scalare lo Zoncolan, ad esempio.

Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, il più delle volte nemmeno applicabile alle prestazioni di alto livello agonistico. È piuttosto un contenitore di molte diverse sensazioni, che concorrono a sostenere la motivazione di un atleta.

Per la psicologia dello sport, la motivazione è la vera benzina degli sportivi e pertanto va curata e alimentata ogni giorno, costituisce una riserva preziosa da cui attingere nei momenti più difficili. Con i nostri atleti lavoriamo molto sulla Motivazione Primaria o Intrinseca, che è correlata ai concetti di competenza e autodeterminazione e si sviluppa durante l’infanzia: imparare nuove cose e sentirsi competenti nello svolgerle stimola il senso di autoefficacia e di conseguenza l’autostima, innescando un circolo virtuoso che genera piacere. Con il tempo il bambino impara a riconoscere queste emozioni positive e tenderà a ripetere le attività che possono procurargliele. In un atleta adulto, allenarsi duramente permette di migliorare, di sentirsi più competente e di risvegliare quindi le sensazioni antiche di benessere e gioia che ha sperimentato da piccolo, mentre esplorava il mondo. La fatica che per uno spettatore sembra insormontabile, per un ciclista può essere un mezzo necessario per raggiungere autostima, benessere e soddisfazione.

Un atleta di sport di endurance difficilmente ci racconterà che durante la gara si diverte, piuttosto ci dirà che in alcuni punti del percorso si è esaltato o è riuscito ad entusiasmarsi, ha provato inaspettata leggerezza o grande soddisfazione nel sentirsi performante. È molto importante tenere conto delle sfumature linguistiche quando ci si relaziona con gli atleti. Per un agonista il concetto comune di divertimento non è applicabile, ma è il risultato di una somma di sensazioni profonde e diversificate, di cui la fatica non solo fa parte, ma spesso è anche determinante.

Per questo motivo occorre lavorare su tutte quelle sensazioni positive che vengono effettivamente sperimentate in gara, isolandole dall’inevitabile fatica del gesto atletico; queste possono diventare ancoraggi utilissimi nei passaggi critici della competizione, ma non solo: costituiscono un vissuto positivo molto importante da rievocare nei periodi di recupero, a gara conclusa, e in fase di allenamento.

Questo articolo è stato pubblicato dal Centro Studi su CyclingOn.it

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Peso Aspettative Dumoulin Ciclismo
Psicologia dello Sport

Il Peso delle Aspettative nello sport di alto livello

L’emblematico ritiro di Tom Dumoulin ci ha dato lo spunto per riflettere sul peso delle aspettative nel mondo sportivo di alto livello.
Quando l’impegno diventa totalizzante, la sovrapposizione sport/professione è completa, tutto gira intorno all’essere atleta; desideri, emozioni, stanchezza, stress vengono accantonati per accontentare e confermare sempre al top il proprio ruolo di ciclista, in questo caso. Cosa possiamo fare per prevenire questa situazione?

Read More »
Adolescenza Sport e Covid19
Psicologia dello Sport

Adolescenza, Covid-19 e Sport

Sappiamo quanto possa risultare difficile il ruolo di genitore quando i figli entrano in adolescenza. D’improvviso tutta quella sintonia che caratterizzava le fasi precedenti della crescita, svanisce come non fosse mai esistita. Uno degli elementi più sorprendenti e sconcertanti nell’era del Covid-19, sembra essere un inaspettato capovolgimento dei ruoli, che in questo periodo ha sancito una mezza tregua tra le parti.

Read More »
Obiettivi Open - ph by Victor Freitas
Psicologia dello Sport

Obiettivi e Attività Fisica: e se la soluzione non fosse “S.M.A.R.T.”?

Una delle procedure più conosciute di goal-setting è quella di fissarsi obiettivi secondo l’acronimo “S.M.A.R.T.”: (S)pecifici, (M)isurabili, (A)ccessibili, (R)ealistici e (T)empizzati. Ma se si pensa a persone che stanno muovendo i primi passi nel mondo dell’esercizio o vogliono combattere la sedentarietà, non raggiungere gli obiettivi prefissati potrebbe risultare frustrante e questo porterebbe ad abbandonare l’attività già nelle sue prime fasi.
In questi casi sarebbe meglio optare per gli obiettivi aperti o “open-goals”.

Read More »
Psicologia dello Sport

Allenare la Generazione Z

Qualcuno una volta mi ha detto: “sarò diventato vecchio, quando avrò smesso di imparare”.
Ricordo spesso questa frase perché come professionista mi sento abbastanza giovane da guardare il futuro con la consapevolezza di poter crescere ancora molto, ma allo stesso tempo mi sento anche abbastanza vecchia da guardare il passato e notare di avere accumulato una certa quantità di esperienza.

Read More »

+39 347 320 3808