Neuroscienze, Effetto Mirror e Mental Training

Neuroscienza Effetto Mirror
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Forse non tutti sanno che le neuroscienze possono aiutarci a comprendere alcune tra le principali dinamiche che regolano i comportamenti agonistici dell’atleta. In particolare nell’utilizzo di alcune tecniche di preparazione mentale come l’allenamento ideomotorio, la psicologia dello sport fa leva sull’esistenza di una particolare classe di neuroni presenti nel cervello umano, chiamati “Neuroni Specchio”.

Cosa sono i Neuroni Specchio?

Questi neuroni sensomotori – dapprima individuati nella corteccia motoria delle scimmie, poi nel cervello umano – si attivano sia quando un individuo compie un’azione, sia quando la osserva mentre è compiuta da altri. I neuroni dell’osservatore “rispecchiano” letteralmente ciò che avviene nella mente del soggetto osservato, come se fosse l’osservatore stesso a compiere l’azione. Tale fenomeno viene detto Effetto Mirror, letteralmente in italiano “effetto specchio”.

La scoperta e le applicazioni in campo sportivo

La scoperta dei Neuroni Specchio, risale alla metà degli anni ’90, per merito del neuroscienziato Prof.Giacomo Rizzolatti, vincitore per questo del Brain Prize – l’Oscar della Scienza, e della sua equipe del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Parma. I neuroni specchio spiegano alcune dinamiche alla base del comportamento sociale e quindi anche di quello agonistico, ma possono essere utilizzati a potenziamento delle tecniche di preparazione mentale per gli atleti di tutte le discipline sportive.

Per esempio l’Effetto Mirror e la sollecitazione dei Neuroni Specchio sono alla base dell’apprendimento esperienziale, rappresentando un aiuto fondamentale per l’allenatore nel perfezionamento tecnico del giovane atleta. Infatti, se come abbiamo detto l’osservazione del comportamento di un soggetto comporta per chi osserva la messa in funzione degli stessi neuroni dell’osservato, possiamo dedurre che nel processo di apprendimento per imitazione i neuroni dell’atleta neofita rispecchieranno fedelmente ciò che sta avvenendo nella mente dell’atleta modello, facilitando l’apprendimento del gesto motorio.

Vera e propria replica dentro al nostro cervello di quello che fa l’altro, gli stessi neuroni che si attivano quando si compie un azione, si attivano anche quando osserviamo la stessa azione fatta da altri, per esempio durante lo studio o la correzione di un gesto tecnico attraverso la Video Analysis, oppure quando l’azione motoria viene semplicemente immaginata.

Effetto Mirror e Effetto Carpenter

Questo chiarirebbe meglio il funzionamento dell’ALLENAMENTO IDEOMOTORIO basato sul fenomeno ideomotorio noto come Effetto Carpenter, grazie al quale quando le persone si visualizzano mentre svolgono un’attività motoria, mostrano cambiamenti elettromiografici negli stessi gruppi muscolari che sarebbero stati attivati se gli individui avessero effettuato realmente il movimento visualizzato. In pratica immaginare un movimento determina una stimolazione, seppure molto lieve, dei muscoli interessati dall’attività immaginativa; anche se queste stimolazioni non arrivano ad una contrazione esternamente visibile possono essere registrate attraverso il potenziale elettrico muscolare (EMG) dimostrando l’effettiva attivazione dei muscoli deputati al gesto motorio rievocato mentalmente.

Progressione didattica tra mental training e pratica motoria

Un allenamento tecnico e mentale che desideri sfruttare al meglio questi effetti neuromotori potrebbe prevedere un progressione sequenziale tra Video Analysis, per attivare i neuroni specchio, immediatamente seguita da Allenamento Ideomotorio, per sollecitare l’effetto Carpenter e Pratica Motoria, per coglierne i frutti sul campo.

Imparare in questo modo a tener conto del ruolo che i Neuroni Specchio e l’Effetto Mirror ricoprono nello sport potrebbe davvero rivelarsi un eccellente alleato per gli sportivi che vogliono migliorare i propri risultati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Peso Aspettative Dumoulin Ciclismo
Psicologia dello Sport

Il Peso delle Aspettative nello sport di alto livello

L’emblematico ritiro di Tom Dumoulin ci ha dato lo spunto per riflettere sul peso delle aspettative nel mondo sportivo di alto livello.
Quando l’impegno diventa totalizzante, la sovrapposizione sport/professione è completa, tutto gira intorno all’essere atleta; desideri, emozioni, stanchezza, stress vengono accantonati per accontentare e confermare sempre al top il proprio ruolo di ciclista, in questo caso. Cosa possiamo fare per prevenire questa situazione?

Read More »
Adolescenza Sport e Covid19
Psicologia dello Sport

Adolescenza, Covid-19 e Sport

Sappiamo quanto possa risultare difficile il ruolo di genitore quando i figli entrano in adolescenza. D’improvviso tutta quella sintonia che caratterizzava le fasi precedenti della crescita, svanisce come non fosse mai esistita. Uno degli elementi più sorprendenti e sconcertanti nell’era del Covid-19, sembra essere un inaspettato capovolgimento dei ruoli, che in questo periodo ha sancito una mezza tregua tra le parti.

Read More »
Obiettivi Open - ph by Victor Freitas
Psicologia dello Sport

Obiettivi e Attività Fisica: e se la soluzione non fosse “S.M.A.R.T.”?

Una delle procedure più conosciute di goal-setting è quella di fissarsi obiettivi secondo l’acronimo “S.M.A.R.T.”: (S)pecifici, (M)isurabili, (A)ccessibili, (R)ealistici e (T)empizzati. Ma se si pensa a persone che stanno muovendo i primi passi nel mondo dell’esercizio o vogliono combattere la sedentarietà, non raggiungere gli obiettivi prefissati potrebbe risultare frustrante e questo porterebbe ad abbandonare l’attività già nelle sue prime fasi.
In questi casi sarebbe meglio optare per gli obiettivi aperti o “open-goals”.

Read More »
Psicologia dello Sport

Allenare la Generazione Z

Qualcuno una volta mi ha detto: “sarò diventato vecchio, quando avrò smesso di imparare”.
Ricordo spesso questa frase perché come professionista mi sento abbastanza giovane da guardare il futuro con la consapevolezza di poter crescere ancora molto, ma allo stesso tempo mi sento anche abbastanza vecchia da guardare il passato e notare di avere accumulato una certa quantità di esperienza.

Read More »

+39 347 320 3808