Nel dubbio, restiamo Atleti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
3 consigli per recuperare una sensazione di controllo, mettendo un freno ai pensieri disfunzionali. La pandemia ha amplificato sensibilmente i vissuti di ansia e li ha estesi a ambiti della nostra vita che prima consideravamo sicuri.

Abbiamo atteso la fine del 2020 carichi di aspettative, ma le nostre speranze e i nostri propositi sono minati da una grande incertezza. La pandemia non si è risolta come per incanto allo scoccare della mezzanotte, come tutti segretamente speravamo!

Insomma, dovremo confrontarci ancora per qualche tempo con un sentimento ancestrale ben radicato nell’essere umano: la paura dell’ignoto!

In risposta alla paura dell’ignoto, abbiamo sempre cercato di replicare tutte quelle situazioni che ci hanno fatto sentire al sicuro e appagati. Qualsiasi elemento interrompa questo equilibrio e ci porti lontani dalla zona di comfort causa reazioni negative a livello emozionale, cognitivo e comportamentale.

Ecco allora 3 consigli per recuperare una sensazione di controllo, mettendo un freno ai pensieri disfunzionali:

1
FARE ATTENZIONE A QUELLO CHE CI SI DICE
Un linguaggio interno positivo e incoraggiante è il primo alleato per arginare le sensazioni negative causate dall’incertezza e per dirigere la nostra attenzione su ciò che possiamo controllare. Ricordiamo che la nostra mente funziona per immagini e non riconosce le negazioni del linguaggio.
Se mi dico: non sbagliare il servizio, la prima immagine nella mia mente sarà proprio il servizio sbagliato, la palla in rete o fuori dalle linee. E poi dovrò compiere uno sforzo mentale per sostituirla con un’altra immagine.

2
METTERSI ALLA PROVA
Per gli atleti la sfida è il pane quotidiano, perché allora non utilizzare questa skill a proprio vantaggio? Allenarsi ad uscire dalla zona di comfort in modo graduale e protetto consente di diminuire le sensazioni negative che l’incerto provoca.
Approfittiamo di questo periodo in cui allenamenti e gare possono venire sospesi: una buona soluzione è imparare qualcosa di nuovo, mettersi alla prova in compiti mai affrontati prima o in attività che ci incuriosiscono.
Quando affrontiamo qualcosa per la prima volta il nostro cervello si attiva per risolvere il nuovo problema, sperimentando e poi consolidando strategie di adattamento che poi torneranno molto utili: sapremo già come reagire in caso di imprevisto!

3
OCCUPARSI E NON PREOCCUPARSI
Invece di pre-occuparci di ciò che potrebbe succedere, assumiamo un atteggiamento attivo: occupiamoci di ciò che possiamo controllare, trovando soluzioni di volta in volta.
Ad esempio, prendersi cura della nostra dimensione di atleti è qualcosa che possiamo controllare; seguire i ritmi di vita più funzionali alla nostra attività agonistica è un ottimo modo per costruire una routine di certezze:
andare a letto presto, mangiare in modo sano, allenarci con costanza e attenzione, dedicare momenti della giornata prestabiliti ad attività che ci fanno stare bene.

Se questi consigli ti sono stati utili,
aiutaci a condividerli!

Ricorda: la pandemia ha amplificato sensibilmente i vissuti di ansia e li ha estesi a ambiti della nostra vita che prima consideravamo sicuri.
La prima cosa che devi sapere è che non sei solo. Moltissimi atleti stanno provando lo stesso. Allenarsi, gareggiare in tempo di covid è una sfida totalmente nuova. Per alcuni invece è proprio la mancanza forzata delle routine di allenamento a costituire un ostacolo sempre più duro da superare.

Chiama il tuo psicologo dello sport, parlane con il tuo allenatore o con una persona di cui ti fidi. Parlarne è importante, affrontiamola insieme💪

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Peso Aspettative Dumoulin Ciclismo
Psicologia dello Sport

Il Peso delle Aspettative nello sport di alto livello

L’emblematico ritiro di Tom Dumoulin ci ha dato lo spunto per riflettere sul peso delle aspettative nel mondo sportivo di alto livello.
Quando l’impegno diventa totalizzante, la sovrapposizione sport/professione è completa, tutto gira intorno all’essere atleta; desideri, emozioni, stanchezza, stress vengono accantonati per accontentare e confermare sempre al top il proprio ruolo di ciclista, in questo caso. Cosa possiamo fare per prevenire questa situazione?

Read More »
Adolescenza Sport e Covid19
Psicologia dello Sport

Adolescenza, Covid-19 e Sport

Sappiamo quanto possa risultare difficile il ruolo di genitore quando i figli entrano in adolescenza. D’improvviso tutta quella sintonia che caratterizzava le fasi precedenti della crescita, svanisce come non fosse mai esistita. Uno degli elementi più sorprendenti e sconcertanti nell’era del Covid-19, sembra essere un inaspettato capovolgimento dei ruoli, che in questo periodo ha sancito una mezza tregua tra le parti.

Read More »
Obiettivi Open - ph by Victor Freitas
Psicologia dello Sport

Obiettivi e Attività Fisica: e se la soluzione non fosse “S.M.A.R.T.”?

Una delle procedure più conosciute di goal-setting è quella di fissarsi obiettivi secondo l’acronimo “S.M.A.R.T.”: (S)pecifici, (M)isurabili, (A)ccessibili, (R)ealistici e (T)empizzati. Ma se si pensa a persone che stanno muovendo i primi passi nel mondo dell’esercizio o vogliono combattere la sedentarietà, non raggiungere gli obiettivi prefissati potrebbe risultare frustrante e questo porterebbe ad abbandonare l’attività già nelle sue prime fasi.
In questi casi sarebbe meglio optare per gli obiettivi aperti o “open-goals”.

Read More »
Psicologia dello Sport

Allenare la Generazione Z

Qualcuno una volta mi ha detto: “sarò diventato vecchio, quando avrò smesso di imparare”.
Ricordo spesso questa frase perché come professionista mi sento abbastanza giovane da guardare il futuro con la consapevolezza di poter crescere ancora molto, ma allo stesso tempo mi sento anche abbastanza vecchia da guardare il passato e notare di avere accumulato una certa quantità di esperienza.

Read More »

+39 347 320 3808