fbpx

#MINDCROSSFIT

MindCrossfit Performa Training
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Cosa succede quando gli obiettivi sono sospesi, non ci si può allenare e non si sa nemmeno quando si potrà tornare a farlo? Con l’emergenza COVID19 il mondo sportivo si è fermato, è in stand-by, come tutto il resto della popolazione, ma per un atleta l’attesa non significa pausa!

È molto importante rimanere attivi fisicamente, tecnicamente e mentalmente per essere pronti a tornare in campo. A casa, tutti sono attrezzati per le attività motorie con le schede di lavoro; a livello mentale invece è più complicato, perché manca la pressione del cronometro, l’adrenalina della gara.

Così, per gli atleti che seguiamo, abbiamo iniziato a creare protocolli di un allenamento mirato che abbiamo chiamato MindCrossfit:

circuiti per la mente, che consentono di allenare e ottimizzare le abilità cognitive, percettive e sensoriali attraverso esercizi mentali ad alta intensità, durante lo svolgimento di attività fisiche (anch’esse fatte a carichi volumetrici ad alta intensità e tempi brevi).

#MindCrossfit

L’obiettivo è creare delle sfide mentali in situazioni di scarsa lucidità dovuta ad affaticamento (alta frequenza cardiaca, fatica muscolare, fase di debito di ossigeno, emotività eccessiva, ecc.) o in presenza di stressor esterni. Gli atleti in questo modo allenano la tolleranza alla frustrazione fisica e mentale attraverso la regolazione dell’attivazione. Mettersi appositamente sotto pressione agonistica è una sfida per imparare a tornare lucidi nel più breve tempo possibile.

Mantenere la memoria motoria

Lontano dai campi è molto importante mantenere vive le sensazioni positive degli schemi tecnici/motori della nostra disciplina sportiva. Per mantenere attiva questa memoria motoria ci viene in aiuto una tecnica di Mental Training: la Visualizzazione. In questo caso il compito è rivedere le azioni di una partita, mettere in pausa e ripetere mentalmente il gesto tecnico, in stato di massima intensità emotiva. Il gesto può essere proprio o di altri, ma di eccellenza, migliorativo. Le prime volte visualizzare non è semplice, può capitare di vedersi dall’esterno, di interrompere o rallentare l’azione. Lo step ulteriore per i più esperti è visualizzare il gesto tecnico nelle pause del workout fisico, in stato di elevata attivazione fisica.

Un altro esercizio molto utile consiste nel costruire piramidi o torri di bicchierini di plastica precedentemente numerati e distribuiti sul tavolo in modo casuale. Ci si cronometra prima a riposo, a mente lucida, poi si ripete l’esercizio sotto pressione, quando si sta facendo un’attività fisica ad alta intensità (esempio: frequenza cardiaca oltre i 120/130). Per bilanciare fiato corto e muscoli in tensione bisogna usare le tecniche di mental training: respirazione, visualizzazione e dialogo interno.

Il MindCrossfit integrato alla scheda di preparazione fisica prepara gli atleti a cogliere subito i cali di concentrazione e li allena a recuperare in fretta la lucidità necessaria per performare sempre ad alto livello, anche in condizioni molto stressanti.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su PINKBASKET,
il primo Magazine dedicato interamente al Basket Femminile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Drop-out Giovanile
Psicologia dello Sport

Perchè hai smesso di fare Sport? Il Drop-out sportivo giovanile

In età adolescenziale, soprattutto con il passaggio alle scuole medie superiori, aumenta vertiginosamente l’incidenza di ragazzi che lasciano l’attività. Il fenomeno colpisce prevalentemente le ragazze. Sono numeri allarmanti per l’impatto sociale e sanitario che questo fenomeno può implicare. La Dr.ssa Roberta Lecchi ci spiega nel dettaglio il fenomeno del drop-out.

Read More »
Psicologia dello Sport

Leadership has no gender

“Leadership has no gender”. Così Becky Hammon, prima coach donna in NBA, rispondeva agli scettici sulla sua nomina. Siamo d’accordo con lei, ovviamente, la Leadership non ha genere, ma sono state evidenziate alcune differenze significative nel modo di allenare di allenatori e allenatrici.

Read More »
Maradona Psicologia dello Sport
Psicologia dello Sport

Maradona, Leader Unico

Che cosa può dirci la Psicologia dello Sport su Maradona?
Proviamo ad applicare il patrimonio di esperienze e conoscenze teorico-pratiche che la nostra disciplina ha accumulato rispetto alla struttura e alle dinamiche di quella complessa creatura che è la squadra sportiva.

Read More »

+39 347 320 3808