fbpx

Ciclismo e Self Talk

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Nell’ultimo articolo scritto per CyclingON abbiamo parlato di Self-Talk e di come il nostro dialogo interno può incidere sulla prestazione. È un tema che ci sta molto a cuore e ne parliamo spesso. Ciò che ci diciamo, infatti, influenza le nostre azioni e le nostre prestazioni. Cosa ti dici mentre pedali? Prova a farci caso la prossima volta che ti alleni!

Se ti dicessimo 90-110 RPM? Sono le cifre magiche dell’allenamento perfetto che ogni ciclista conosce bene. Le cadenze elevate sono le migliori poiché le articolazioni vengono sottoposte a carichi minori e i muscoli rimangono senza apporto di sangue per meno tempo, dilatando quindi l’insorgere dell’affaticamento.Quindi in linea teorica, più è alto il numero di RPM, migliore sarà la nostra prestazione? Mettiamo allora che un certo corridore sia in grado di produrre 300 RPM…eccezionale, vero? Forse no!

Per 300 intendiamo il numero di parole che il nostro cervello può generare in un minuto. La faccenda si complica…il più delle volte non ce ne accorgiamo nemmeno, eppure ciò che pensiamo è in grado di determinare l’esito delle nostre performance.

“Che tu creda di farcela o non farcela avrai sempre ragione”, diceva Henry Ford. Per questo motivo essere capaci di controllare e riformulare il dialogo interno, o self-talk, in senso positivo e costruttivo può sensibilmente migliorare la nostra prestazione sportiva.

Il self-talk, può essere costituito da parole, frasi o immagini mentali positive che si attivano, talvolta in modo inconsapevole, quando si è in azione. È una tecnica di concentrazione che gli atleti usano per focalizzare l’attenzione su elementi importanti della propria prestazione oppure quando sono necessari feedback incoraggianti.

Per capire perchè il self talk funziona e come si allena ti rimandiamo allora su CyclingON.
Se vuoi saperne di più puoi chattare con noi su FB, su IG oppure puoi scriverci cliccando sul bottone arancione in alto a destra su questa pagina.


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Drop-out Giovanile
Psicologia dello Sport

Perchè hai smesso di fare Sport? Il Drop-out sportivo giovanile

In età adolescenziale, soprattutto con il passaggio alle scuole medie superiori, aumenta vertiginosamente l’incidenza di ragazzi che lasciano l’attività. Il fenomeno colpisce prevalentemente le ragazze. Sono numeri allarmanti per l’impatto sociale e sanitario che questo fenomeno può implicare. La Dr.ssa Roberta Lecchi ci spiega nel dettaglio il fenomeno del drop-out.

Read More »
Psicologia dello Sport

Leadership has no gender

“Leadership has no gender”. Così Becky Hammon, prima coach donna in NBA, rispondeva agli scettici sulla sua nomina. Siamo d’accordo con lei, ovviamente, la Leadership non ha genere, ma sono state evidenziate alcune differenze significative nel modo di allenare di allenatori e allenatrici.

Read More »
Maradona Psicologia dello Sport
Psicologia dello Sport

Maradona, Leader Unico

Che cosa può dirci la Psicologia dello Sport su Maradona?
Proviamo ad applicare il patrimonio di esperienze e conoscenze teorico-pratiche che la nostra disciplina ha accumulato rispetto alla struttura e alle dinamiche di quella complessa creatura che è la squadra sportiva.

Read More »

+39 347 320 3808