Atleti e Social Network

Atleti e Social Network
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Non è più possibile farne a meno: lo smartphone è uno strumento di lavoro e di studio, siamo costantemente iper-connessi e sempre potenzialmente reperibili, le informazioni ci arrivano veloci, lasciano poche tracce e azzerano le nostre capacità di concentrazione. Quali sono le conseguenze sul rendimento sportivo?

Smartphone e Social Network incidono in modo importante su diversi aspetti della vita degli atleti; saperli usare in modo consapevole non è scontato, e sta diventando una skill necessaria e fondamentale anche per il buon rendimento in campo.

L’aspetto più evidente è l’abbattimento delle barriere tra tifosi e atleti. Fino a pochi anni fa, per seguire i nostri idoli sportivi avevamo tre possibilità: andare al palazzetto, leggere La Gazzetta, aspettare le uscite delle riviste specializzate. Oggi i social hanno avvicinato mondi prima distanti, tra tifosi e atleti le barriere sono molto più sottili; possiamo sapere in tempo reale cosa succede durate gli allenamenti, cosa mangiano a colazione, come si vestono, dove vivono i giocatori di tutti i campionati possibili.

Il vantaggio è anche per gli atleti, che possono impostare una collaborazione diversa con gli sponsor o far sentire la propria voce su questioni importanti. Se prima reperire gli scoring delle partite era un’impresa, oggi basta un giro su facebook. È più facile per i ragazzi giovani essere notati e per i professionisti crearsi un seguito di followers, un proprio brand, anche se non sono mai finiti sulla stampa nazionale.

Lo svantaggio è che il punto di rottura tra tifosi e giocatori è dietro l’angolo: la facilità con cui si confonde persona e atleta porta spesso i followers a giudizi affrettati o a un controllo ossessivo dei comportamenti dentro e fuori dal campo. Gli atleti oggi devono sapere che qualsiasi dichiarazione o materiale postato in rete può incidere significativamente sulla propria immagine e persino sulla propria carriera. Questo vale anche per chi gioca nei campionati minori.

Le reazioni del pubblico possono fragilizzare in modo importante atleti che si trovano in fasi delicate del percorso di crescita o di carriera, per esempio al rientro da un infortunio. Per questo motivo la maggior parte degli sportivi più noti sono seguiti da agenzie specializzate e utilizzano i social applicando piani editoriali che tutelano la loro privacy.

L’utilizzo dei social per chi non è “famoso”, ma ha comunque una visibilità pubblica al di fuori di un sistema di relazioni familiare o amicale, non può più essere spontaneo e ingenuo. Occorre sempre domandarsi cosa vogliamo comunicare, chi vogliamo coinvolgere, se quello che diciamo può creare danni o sofferenza a qualcuno. Soprattutto dobbiamo essere consapevoli di quello che vogliamo rivelare di noi.

I social sono insomma diventati un lavoro e hanno aggiunto nuove pressioni a quelle che prima venivano solo dal campo. La pretesa di continua reperibilità è una delle nuove cause di ansia degli sportivi, per esempio. Chi non ha una vita da atleta, familiari compresi, difficilmente riesce contemplare che spegnere o silenziare il cellulare è una necessità reale. La partita, solo per fare un esempio, non impegna i giocatori solo per il tempo di gioco dichiarato: esiste il tempo del riscaldamento e prima ancora quello importante della trasferta, durante il quale lo smartphone può essere un buon compagno contro la noia, ma più spesso anche un veicolo di informazioni disfunzionali che possono distrarre o angosciare. In questo caso è meglio utilizzare il telefono per ascoltare musica o per guardare un film, lasciandolo off line in modo da mantenere il focus sulla gara e sulla dimensione-squadra

Ai nostri atleti consigliamo anche di stabilire uno slot di tempo da dedicare al rapporto con i followers: un’ora al giorno, concentrando tutta l’attività di relationship in un solo momento è molto funzionale, così da non sottrarre nessuna risorsa mentale e fisica al proprio lavoro di sportivi.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su PINKBASKET,
il primo Magazine dedicato interamente al Basket Femminile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

pubblica con noi!

Voglio diventare un Autore del Centro Studi!

Cosa vuoi pubblicare?

Articoli scientifici, ricerche, approfondimenti, rubriche sport-specifiche, eventi e convegni
scrivici
Obiettivi Open - ph by Victor Freitas
Psicologia dello Sport

Obiettivi e Attività Fisica: e se la soluzione non fosse “S.M.A.R.T.”?

Una delle procedure più conosciute di goal-setting è quella di fissarsi obiettivi secondo l’acronimo “S.M.A.R.T.”: (S)pecifici, (M)isurabili, (A)ccessibili, (R)ealistici e (T)empizzati. Ma se si pensa a persone che stanno muovendo i primi passi nel mondo dell’esercizio o vogliono combattere la sedentarietà, non raggiungere gli obiettivi prefissati potrebbe risultare frustrante e questo porterebbe ad abbandonare l’attività già nelle sue prime fasi.
In questi casi sarebbe meglio optare per gli obiettivi aperti o “open-goals”.

Read More »
Psicologia dello Sport

Allenare la Generazione Z

Qualcuno una volta mi ha detto: “sarò diventato vecchio, quando avrò smesso di imparare”.
Ricordo spesso questa frase perché come professionista mi sento abbastanza giovane da guardare il futuro con la consapevolezza di poter crescere ancora molto, ma allo stesso tempo mi sento anche abbastanza vecchia da guardare il passato e notare di avere accumulato una certa quantità di esperienza.

Read More »
Psicologia dello Sport

Better the Devil you know

Rubo questa espressione agli inglesi: meglio il diavolo che conosci. Leggendola mi sono trovata a riflettere sul perché a volte stiamo bene dove stiamo male. Le zone di comfort sono un ingannevole porto sicuro!

Read More »
Psicologia dello Sport

Nel dubbio, restiamo Atleti!

3 consigli per recuperare una sensazione di controllo, mettendo un freno ai pensieri disfunzionali. La pandemia ha amplificato sensibilmente i vissuti di ansia e li ha estesi a ambiti della nostra vita che prima consideravamo sicuri.

Read More »

+39 347 320 3808